torta di maiale dal desco del lord comandante

Sono una lettrice insaziabile,  lettrice fantasy da circa sedici anni e non c’è stata mai saga come quella delle Cronache del ghiaccio e del fuoco (Game of Thrones) di George R. R. Martin che mi abbia fatto  venire così tanta voglia di cucinare…e assaggiare i piatti descritti! In ogni regno ci sono delle peculiarità di cibi e piatti raccontati seguendo la tipologia del territorio e le sue caratteristiche climatiche. Io ho patteggiato e amato molto di più (come moooltissimi , penso) il regno del Nord e la Barriera dove risidono i Guerrieri della Notte…e quindi oggi vi proporrò una ricetta ricostruita tra le righe di questi bellissimi romanzi…riadattata alle nostre cucine e dispenze! La pork pie, è un piatto inglese che ancora oggi troviamo su molte tavole del regno unito, la mia prende spunto da lì, ma è una personale interpretazione, con molte modifiche sostanziali.pork

Gli ingredienti che vi darò sono per una teglia da 30 cm. dipende da quante persone si siederanno al vostro banchetto…

Sfoglia:

  • 300gr di farina di semola rimacinata
  • 200gr di farina0
  • due cucchiai abbondanti di strutto (maiale sia dentro che fuori!)
  • 250 gr di acqua circa
  • sale qb

Impastate velocemente tutti gli ingredienti anche con un robot da cucina e vi troverete un impasto morbido ed elastico, lasciatelo riposare una mezz’oretta coperto da una ciotola e poi stendetelo sottilissimo in due sfoglie.

Ripieno:

  • 500gr di macinato di maiale ( macinata una sola volta)
  • 500gr di funghi da trifolare ( a voi la scelta sulla qualità)
  • 200gr di pancetta
  • 250 gr di besciamella
  • spezie: pepe, noce moscata sale, peperoncino, timo

Cominciamo dal ripieno che in realtà potete prepararvi anche il giorno prima. Trifoliamo i funghi nella maniera abituale: Soffrittino di aglio in camicia, funghi, prezzemolo, sale e pepe, io personalmente ho aggiunto un piccolo peperone dolce essiccato e sbiciolato nel soffritto. In un altra teglia facciamo rosolare la carne di maiale con pochissimo olio e la pancetta tritata a coltello. Intanto prepariamo la nostra bescialella: roux con 20gr di burro e 40gr di farina e poi 250gr di latte. Quando tutto è rosolato e pronto unisco le tre preparazioni e regolo di sale e pepe. Aggiungo le spezie e lascio raffreddare. Preparo la sfoglia e con uno dei due dischi ricavati fodero la teglia, meglio se a cerniera, ma se non si apre vi consiglio di rivestirla con carta forno così da agevolarvi nell’impiattamento. Se usate la carta forno potete dirattamente stendere la vostra sfoglia su di essa. Sulla sfoglia posizionata lasciando i bordi delli alti, sistemiamo il nostro ripieno. Copriamo con la seconda sfoglia e siggilliamo i bordi, con le forbici pizzichiamo la nostra sfoglia così da creare dei piccoli buchetti che faranno uscire l’umidità in cottura. Una spolverata di sale  e in forno caldo a 180° fino a che la superficie non risulterà bella dorata. Lasciate intiepidire la torta e poi toglietela dalla teglia e gustate!

Certo è un interpretazione molto personale e sicuramente con dei falsi storici su gli ingredienti, ma è fantasy e posso permettermi delle digressioni…almeno al mio desco…

Annunci

14 thoughts on “torta di maiale dal desco del lord comandante

  1. Fantastico il pork pie!! Io non amo le saghe fantasy, ma essendo un’accanita lettrice di autori inglesi mi sono imbattuta spesso in questo piatto…e ogni volta mi fa venire una gola che mi mangerei il libro! 🙂 In particolare, ricordo di averlo trovato in “Mondo senza fine” di Follett e “Grandi speranze” di Dickens…dove ricopre anche ruolo abbastanza sostanziale!
    Bravissima che hai provato a farlo…se mi decido so dove rivolgermi! 🙂

    • Allora non sono l’unica che ha i languori leggendo!! Questa saga è piena di ricette…ho appena scoperto che due ragazze ne hanno creato un libro di cucina….solo in inglese per ora, ma di piatti da provare ce ne sono mille!

  2. Uhmm mi pare davvero ottima e da provare.. Ma,mi è venuta un’idea,forse malsana,aggiungere al ripieno della verza a a strisce.. giusto per dare quel tocco di “umidità” in più? Come la vedete? Troppo “cinese” ? La proverò nella tua versione,promesso.

    • Io invece le adoro..dopo dodici libri da 500 pagine l’uno circa mi sembra che i personaggi sono miei famigliari…non leggo solo saghe e di solito quando ne termino una ho bisogno di “disintossicarmi” e leggo tutto l’opposto per un pò! La prima volta che ho preparato questo piatto l’ho fatto in formato mignon, molto più carina nella presentazione, ma il gusto l’ho trovato migliore nella versione grande dove la pasta esterna è meno presente, ma è un gusto personale e a volte la presentazione conta in egual misura rispetto al gusto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...