crostata al gelato

Qui ho avuto proprio difficoltà a trovarle un nome,visto che in realtà non è una crostata vera e propria perchè non c’è frolla. Insomma è più difficile a dirsi che a farsi perchè questo è proprio un dolce jolly, di quelli che hai una cena improvvisa da amici e ti chiedono di portare il dolce e hai solo poche ore e neanche un uovo…ecco questo è quel dolce lì! In questa versione ci sono delle piccole aggiunte personali ma la base è semplicemente fatta di biscotti frullati con il burro, come una cheesecake.

gel

Ingredienti:

  • 350 gr di biscotti con gocce id cioccolata
  • 50 gr di burro morbido
  • 50gr di nocciole
  • 600 gr di gelato alla nocciola
  • un pò di cioccolato fondente e scaglie di mandorle per la decorazione

Come molte delle mie preparazioni , mettete biscotti, burro e nocciole nel mixer e azionatelo finchè non si è tutto frullato. Con queste briciole imburrate, create il fondo e i bordi della crostata in una teglia rivestita di carta forno. Mettete a raffreddare in frigorifero per un paio d’ore o se avete meno tempo mettete nel freezer. Non vi resta che comperare il gelato andando a casa dei vostri amici e comporre lì il dolce!!! Mettete il gelato a palline su tutto il guscio di biscotto che ormai sarà durissimo e poi fateci colare sopra un pò di cioccolato fuso o salsa di cioccolato o  anche niente se usate gelati di diversi gusti…un pò di granella di nocciole o scaglie di mandorle e il gioco è fatto!!! Un peccato di gola facile e veloce!!!

cupcake cioccolato, panna acida e caramello salato

Festeggiamo la fine di maggio!!!!!!! Che si porta via gran parte degli impegni di fine anno scolastico…recite, saggi, diplomi della scuola dell’infanzia, prove, costumi, ringraziamenti e via dicendo!! Tutto è andato bene e lacrime di materna commozione sono state versate, quindi ora si ritorna a cucinare!!!! Complice una mattinata casalinga ecco i miei cupcake sperimentali che uniscono un pò di ingredienti non molto usuali, ma che insieme hanno creato un perfetto equilibrio di sapori, dolce ma non troppo, leggero ma goloso e anche un pò particolare!! Insomma non c’è che da provarli!!! Poi, a dispetto del nome sono anche semplici da fare!cioc

Ingredienti e procedimento x 12 cupcake:

  • 150 gr di farina 00
  • 50 gr di fecola di patate
  • 60 gr di cacao amaro
  • 150 gr di zucchero
  • 1/2 bustina di lievito x dolci
  • 90 ml di latte
  • 90 ml di acqua
  • 40 gr di burro fuso
  • 1 uovo
  • un pizzico di sale

In un mixer mescolate tutti gli ingredienti tra loro e riempite gli stampini da muffin con i pirottini sistemati dentro. Riempiteli per 3/4 e infornate a forno caldo 180° per circa 20 min. Fate sempre la prova stecchino. Una volta sfornati lasciateli raffreddare su una gratella.

Ingredienti e procedimento per il caramello:

  • 130 ml di panna fresca
  • 120 gr di zucchero
  • 5 gr di sale ( megli se fleur de sel)

in un pentolino mettete lo zucchero e lasciate caramellare a fuoco medio. Scaldate la panna 40 sec al microonde e una volta che il caramello sarà dorato togliete dal fuoco e aggiungete la panna e il sale, continuando a girare. Se si dovessero formare dei grumi rimettete sul fuoco a fuoco dolce e girando aspettate che si sciolgano. Travasate in una ciotolina e lasciate raffreddare.

Ingredienti e procedimento per il frosting

  • 130 ml di panna da montare
  • 50 gr di zucchero a velo se la panna non è zuccherata
  • 100 gr di panna acida

Montare la panna con lo zucchero e poi aggiungere la panna acida e continuare a montare un altro pò.

 

car

Montiamoli: su ogni cupcake con una sac à poche creiamo una spirale di frosting e poi lasciamo cadere con un cucchiaino il caramello ormai freddo, io ho aggiunto delle scaglie di cioccolato fondente ed eccoli qui veloci ma di grande effetto!! Anche molto golosi!!!!

riciclo di cioccolato 3!…e non se ne parla più!!!

Eccomi qui con l’ultima ricetta di riciclo per il cioccolato delle uova di pasqua, ma ovviamente va benissimo qualsiasi cioccolato. Certo è che, anche se nasce come ricetta di recupero per usare tutta la cioccolata (troppa 😦 )  di pasqua, se si usa altro cioccolato, migliore è la qualità di quest’ultimo migliore sarà il risultato. Libera interpretazione poi se al latte o fondente, lì dipende proprio dai gusti!ciocc

Ingredienti:

  • 200 gr di cioccolato + qualche pezzo da spezzettare sopra
  • 180gr di olio di semi di arachide
  • 220 gr di latte
  • 200gr di zucchero semolato
  • 300 gr di farina 00
  • una bustina di lievito
  • 3 uova

Fate sciogliere a bagno maria o in microonde il cioccolato ( per me cioccolato al latte), versatelo in un robot da cucina o in una planetaria e aggiungete, zucchero, latte tiepido e olio, fate  amalgamare. Lasciate intiepidire un pochino e aggiungete la farina e dopo le uova e il lievito. Io ho cotto l’impasto con la ciambelliera da gas e ci sono voluti un ora e dieci minuti sul fornello piccolo al minimo, se cuocete in forno: i classici 170 ° per 45-50 min, fate la prova stecchino mi raccomando! Per chi ha il bimby può impastare tutto nel boccale: mettere la cioccolata, frullarla a vel 5 per pochi secondi, aggiungere il latte e lo zucchero e far sciogliere 4 min 80° vel 4 , poi lasciate intiepidire e aggiungete gli altri ingredienti e procedete come un impasto di torta classico, 30 sec vel 6. Prima di mettere a cuocere sul gas o nel forno, spezzettare altra cioccolata sulla superficie!the

Il thè con le bambole è servito!!!

ispirazioni e riciclo uova di pasqua 3!

Ci sono molti blog che seguo che mi sono di grande ispirazione, le immagini delle torte di cakegardenproject per esempio mi rimangono dentro, le penso, le rielaboro leggermente per farle mie (anche perchè a tanta perfezione non ci sono neanche vicina), e poi capita che un giorno le sforno.  Questa, per esempio è un tripudio di lamponi e cioccolato che come abbinamento è fantastico. Si può usare la cioccolata dell’uovo di pasqua per creare i frammenti cioccolatosi così recicliamo tutto e non se ne parla più!!!! La mia base è una sponge cake al cioccolato, la farcitura una crema diplomatica aromatizzata con la scorza grattugiata di limone bio, coperta di panna montata per creare una base bianca liscia e sottile, decorata con lamponi, fragole e frammenti di cioccolato. Quest’ultimi sono semplicissimi da creare: fate sciogliere il cioccolato a bagnomaria e una volta che è ben sciolto versatelo su un foglio di carta forno su cui avrete sparso granella di nocciole o di mandorle. Coprite con un altro foglio di carta forno e passateci su il mattarello per creare uno strato sottilissimo. Lasciate solidificare e poi, io in questo caso, ho ritagliato i quadratini che ho sistemato sul giro torta e le schegge da infilare tra la frutta.lampo Vi lascio la ricetta della sponge cake al cioccolato che trovo ottima come base per torte da farcire perchè più umida del pan di spagna classico e anche più morbida al palato per la presenza del burro nell’impasto….è buona anche senza farcitura!!!

Ingredienti:

  • 4 uova
  • 220gr di burro a temperatura ambiente
  • 220gr di zucchero
  • 220gr di farina 00
  • 20gr di cacao amaro
  • 1/2 bustina di lievito
  • semini di vaniglia

Montare burro e zucchero in una planetaria o con le fruste elettriche per un paio di minuti, poi aggiungere le uova e montare per altri 7 minuti fino a che il composto non risulta spumoso e cremoso, unire farina, cacao, lievito e semini di vaniglia e continuare a mescolare delicatamente o a velocità minima. Infornare a forno caldo in una teglia (per questa dose circonferenza di 26)imburrata e infarinata per 30 min a 180°.

uova di pasqua? riciclo 1!

Siete come me sommerse da cioccolata di uova di pasqua?? Al latte, fondente bianca e bicolor??? é vero che si può conservare a lungo, io addirittura la metto nei sacchetti in frizeer quando ne è davvero troppa, ma è bello anche riusarla per creare nuove delizie! Questa mattina 200gr sono finiti in una torta per la colazione che presto vi mostrerò e 250gr di quella al latte sono finiti in questi dolcetti croccanti che deliziano tutti i golosi!

ciocco

Tra l’altro sono velocissimi da preparare!!! Per chi ha il bimby può benissimo farli nel boccale, per gli altri  una pentola a bagnomaria e il risultato non cambia!

Ingredienti:

  • 250gr di cioccolato (fondente o al latte o anche quello delle uova kinder)
  • un cucchiaino di zucchero
  • un cucchiaino di olio di semi
  • 70 gr di riso soffiato

per chi ha il bimby mettete il cioccolato a pezzi nel boccale tritatelo qualche secondo a velocità turbo, poi fatelo sciogliere 4 min 70° vel 3 aggiungendo zucchero e olio. Inserite ora il riso soffiato e azionate a vel 1 per pochi secondi, fino a che il riso non si è completamente ricoperto di cioccolato. Per chi invece usa la pentola a bagnomaria, tritate anche a coltello il cioccolato e mettetelo a sciogliere con lo zucchero e l’olio. Una volta sciolto, togliete la pentola dal bagnomaria e aggiungete il riso soffiato che può essere sia al naturale che crispy…io ho provato con tutti e due e lo preferisco con quello al naturale, ma se avete un avanzo dell’altro andrà bene lo stesso! Amalgamate con una palettina, delicatamente. Ora in entrambe le procedure, dovete versare il composto su un foglio di carta forno e livellarlo con una spatola o un cucchiaio e cercare di dargli una forma regolare. Lasciatelo solidificare e quando è asciutto, tagliatelo in quadratini. Ora è pronto per essere gustato o impacchettato e conservato!

Buon lunedì…che sembra sabato

Sono impazzita? Forse un pò sì, ma dovete saper che fino a mercoledì qui in casa zuccherando vige un fine settimana lunghissimo…tre giorni di vacanza da scuola per le feste di carnevale…più i due giorni di fine settimana già trascorsi sono cinque giorni casalinghi di mamma e bimbi! Quando non c’è scuola per loro è sempre weekend e valgono le regole del weekend, quindi il piccolo anarchirco vorrebbe non lavarsi e non vestirsi fino ad ora di cena, questo implica che non è ben disposto ad uscire, la grande, sulla scia del fratello disegnerebbe tutto il giorno in pigiama e capelli a fungo, sparpagliando opere eclettiche su ogni superficie della casa! Comunque, questo per dirvi che anche in me alberga l’animo festaiolo, niente orari e voglia di cose speciali…e così questa mattina super colazione con pain au chocolat! Questa volta per la sfogliatura ho seguito tutti i tempi per benino!! L’uomo di casa questa mattina si è recato a lavoro come sempre, ma non potevo non farlo partecipare alla colazione speciale, così mi sono alzata alle sei per infornare e salutarlo con un dolcino speciale! colaz

Gli ingredienti e il procedimento sono gli stessi dei croissant sfogliati con lievito madre, niente vieta di riproporli con il lievito di birra o il lievito madre in polvere, ovviamente regolandovi in maniera diversa per i tempi di lievitazione. Con questi ho cominciato rinfrescando il lievito madre sabato dopo pranzo, fatto le prime pieghe il sabato sera e inserito il burro per la sfogliatura la domenica mattina. Formato i saccottini domenica sera dopo cena e lasciato lievitare tutta la notte. Questa mattina ho infornato a 190° per 20 min circa.

Ingredienti

  • 380gr fi farina 00
  • 170 gr di farina manitoba
  • 160 gr di pasta madre rinfrescata almeno da 5 ore
  • 250 gr di latte
  • 2 uova
  • 90 gr di zucchero
  • 20 gr di burro a pezzetti e temperatura ambiente
  • 5 gr di sale
  • vaniglia, bacca o essenza
  • buccia di un arancia bio
  • 200 gr di cioccolato fondente in tavoletta per il ripieno
  • 250 gr per la sfogliatura
  • un uovo da spennellare x la finitura

Ho preparato l’impasto come descritto qui! Ma ho inserito il panetto di burro solo la mattina dopo, lasciando l’impasto a lievitare tutta la notte in frigorifero. Quindi: sabato dopo pranzo ho rinfrescato la pasta madre, prima di cena ho preparato l’impasto, lasciato a temperatura ambiente per tre ore, fatto la prima piegatura a tre per due volte e lasciato in frigo, piegato e coperto da pellicola per tutta la notte. La mattina di domenica ho inserito il burro e fatto le pieghe per la sfogliatura. Immaginate di dividere il vostro rettangolo in tre parti, ora sovrapponete la parte superiore verso il centro e poi la parte inferiore, avrete tre pieghe visibili di impasto in sezione. Queste sono le pieghe di rinforzo. Ora girate il pacchettino ottenuto di 90° e stendetelo di nuovo in un rettangolo e ripetete l’operazione di piegatura.Questa operazione va fatta per tre volte durante il giorno. La sera di domenica dopo cena, ho tirato l’impasto di un altezza di 4 mm circa e ho ricavato dei rettangoli di circa 7*13 cm, Da una tavoletta di cioccolato fondente da 100gr , di quelle sottili per intenderci, ho tagliato tante strisce di cioccolato suppergiù della lunghezza di 7 cm, la mia tavoletta aveva già il lato corto di 7, perciò ho usato questa misura. L’importante è che la misura della striscetta di cioccolato sia la stessa del rettangolo di sfoglia. Per ogni rettangolo abbiamo bisogno di 3 bastoncini di cioccolato( 7 cm di lunghezza, pochi millimetri di larghezza). Posizioniamo il primo bastoncino sul borbo superiore, lo avvolgiamo girando la pasta su di esso, mettiamo il secondo, altro giro di pasta e infine il terzo e altro giro di pasta finale, mettiamo a lievitare di nuovo i nostri saccottini con la chiusura rivolta in basso così che non si apra. Prima di infornare spennelliamo di uovo sbattuto e in forno. Un pò di lavoro è vero, ma sono davvero speciali e golosissimi. I miei bimbi hanno sganato gli occhi e li hanno divorati, preferendoli ai croissant …ora sarà merito della lunga lievitazione o della cioccolata?? Io penso di sapere la risposta!!!pane du

Nella foto vedete anche una girandolina! Io non amo la cioccolata quindi per coccolarmi ho pensato a creare una girandola da un quadrato di pasta. Tagliate un quadrato più possibile regolare ora tagliate partendo dagli angoli seguendo le diagonali ma senza arrivare al centro. Piegate gli angoli alternandoli verso il centro e il gioco è fatto. Ho spennellato con un pò di miele e fatto aderire qualche lamella di mandorla….deliziose!

ciambella riso-cioccolato

Che ci inventiamo per la colazione del weekend? Non avendo a disposizione molta fantasia e molte forze dopo l’ennesima influenza invernale, ho semplicemente rivisitato un classico intramontabile delle merende e colazioni di casa “zuccherando”. Ho preparato la ciambella cotta sul fornello con il Versilia (l’apposita pentola), ma ho rivisitato un pò gli ingredienti. Ho usato la farina di riso mescolata a quella 00 e ho agginto invece del cacao amaro due cucchiai del cacao per il latte che ho comperato alla bottega del mondo equosolidale, le gocce le ho messe solo in superficie per creare un angolo golosissimo da lasciarsi come ultimo boccone. Se avete la necessità di usare solo la farina di riso per problemi legati a intolleranze alimentari, vi consiglio di diminuire la quantità dei liquidi come latte e olio perchè essendo priva di glutine lega molto meno. Potete, ovviamente, usare il cacao amaro che avete in casa e invece delle gocce di cioccolato del buon cioccolato fondente ridotto in scaglie! Pronti?? riso

Ingredienti:

  • 250 gr di farina di riso
  • 120gr di farina 00
  • 200gr di zucchero
  • 3 uova
  • un bicchiere di latte (circa 200ml)
  • un bicchiere di olio di semi di buona qualità
  • una bustina di lievito per dolci
  • due cucchiai di cacao per latte o cacao amaro
  • gocce di cioccolata

Impastate tutti gli ingredienti tranne le gocce di cioccolata, in un mixer o con le fruste elettriche, anche a mano se volete e dopo aver imburrato e infarinato la teglia da ciambella versateci dentro il composto. Livellate leggermente la superficie e versateci su una generosa dose di gocce di cioccolata. Ora se la cuocete nel versilia su fornello piccolo a minimo, la mia ci ha messo un’ora e 5 min a cuocersi , se usate il forno tradizionale , infornate a forno caldo 170° per 40-50 min, ovviamente in entrambi i casi prova stecchino obbligatoria!!! Il risultato è una torta sofficissima e leggera che spero allieterà la vostra colazione e la vostra merenda come è successo qui un attimo fa….metà è finita…ed erano solo in tre!!!!cioris

CECI RIPIENI

Come si fa a farcire un cecio?? A farlo ripieno?? Sarebbe assai difficile e così il cecio diventa IL ripieno. Si proprio così questi fantastici dolcetti natalizi sono farciti di ceci e altre squisite cose che fra un pochino vi svelerò! Sono dolci tipici della Valle Peligna e che in tutto il periodo natalizio vengono preparati e mangiati e preparati e mangiati…profumando case e quartieri di odore di fritto e di tradizione. Anche qui le varianti sul tema sono mille e più..ogni famiglia, anzi in ogni casa si aggiunge e si toglie questo o quell’ingrediente, si modifica si perfeziona una ricetta antica che sostanzialmente è quella e che in ognuno evoca ricordi di casa e amore…..tant’è che c’è anche una “gara” da qualche anno a questa parte, tra pasticceri casalinghi e non su chi prepara il cecioripieno più buono ! Si chiama CECIO RIPIENO MON AMOUR (http://www.youtube.com/watch?v=obCQf-RnARg) ,ma quest’anno i miei non sono in gara, a 700km di distanza sarebbe un pò difficile!!!! ceciSono saccottini di sfoglia con un ripeno dolce….

Ingredienti per la sfoglia:

  • 500gr di farina
  • 4 cucchiai di strutto
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 2 uova
  • scorza grattugiata di un limone bio

Le dosi, lo so, sono approssimative, perchè così te le danno le nonne….ti dicono dipende dalle uova, dipende dal tempo…dipende da tante cose è vero, ma comunque la pasta riesce sempre…io uso come bicchiere per il vino uno di quei vecchi bicchieri da osteria o uno piccolo da nutella. Si comincia dalla fontana di farina sulla spianatoia di legno e al centro tutti gli ingredienti. Il vino io lo aggiungo poco la volta e si comincia ad impastare. Il risultato finale deve essere un impasto compatto, non troppo molle, liscio ed elastico. La tradizione vuole che si faccia riposare sulla spianatoia per almeno mezz’ora coperto da un piatto o ciotola capovolti. E così io faccio! Poi la pasta va presa in piccole porzioni e stesa prima un pò con il mattarello e poi con la nonna papera (macchina stendi pasta). Io comincio con una trafila larga e man mano arrivo al penultimo buco. Ora queste sfoglie vanno riempite come si fa con i ravioli… palline di ripieno distanziate tra di loro, poi si chiude piegandoci la pasta sopra e si taglia con una rotella dentellata o con un coppapasta dentellato tondo usato per metà. Devono risultare delle mezze lune…

Ingredienti ripieno:

  • 250gr di ceci secchi
  • 100gr di cacao amaro
  • 200gr di cioccolato fondente grattugiato
  • 1 bicchiere di mosto cotto
  • 150gr di nocciole tritate grossolanamente
  • 100gr di noci tritate grossolanamente
  • 100gr di zucchero
  • 1 cucchiaio di cannella
  • scorza grattugiata di un arancia bio
  • un bicchierino di aurum o altro liquore dolce( sambuca o vermut…come ha scritto la nonna della zia….)
  • un pizzico di noce moscata

Questa è la ricetta che io seguo ma potrete trovarne altre in cui ci sono anche le castagne, canditi, uvetta…                              Per prima cosa si mettono a bagno i ceci almeno una notte prima di quando avete deciso di cimentarvi con questa ricetta, ma per comodità potete anche cuocerli il giorno prima. Io li cuocio in pentola a pressione coprendoli bene con l’acqua e aspettando 40 min. dopo il fischio. Una volta che sono ben tiepidi potete frullarli bene, io uso il Bimby, che mi frulla bene anche le buccette, ma la tradizione vuole che usando un passa verdura i ceci dopo essere stati cotti vadano anche spellati (haimè)! Bene, ora abbiamo in una ciotola la nosta purea di ceci, ci mettiamo anche tutti gli altri ingredienti e giriamo, giriamo, giriamo con tutta la forza che abbiamo fino a che il composto non è bello amalgamato e omogeneo. Benissimo ora si procede come descritto prima…si formano tutti i ceciripieni e si comincia a  friggere. Ci vuole veramente pochissimo alla frittura perchè la sfoglia è sottilissima, quindi preparatevi prima tutti gli strumenti atti alla frittura e in men che non si dica avrete odore di fritto ovunque e dei meravigliosi dolci che vi conquisteranno!!!! Aspettate che si siano raffreddati, spolverateli con zucchero a velo…(anche qui due scuole di pensiero, c’è chi una lo zucchero semolato ) e lasciatevi conquistare! A casa nostra non è un vero Natale se non ci sono loro! E attenzione…creano dipendenza!!cecio

 

e le renne??

Eccole qui! Chi non ricorda la storia di Rudolph, la renna di Babbo Natale con il nasino rosso che fa strada per le vie del cielo ?? Bene i miei bimbi la adorano…e anche io! Non potevano mancare la renne di biscotto nel mini laboratorio Biscotti di Natale che ogni anno cerco di organizzare per i miei piccoli e i loro amichetti! E’ un momento bello che sta diventando una tradizione e che ci fa sentire l’arrivo del natale un pò di più…e con più dolcezza! Otto piccole manine ieri pomeriggio hanno impastato , steso pasta frolla, ritagliato biscotti con le formine mentre chiacchieravano di elfi nascosti negli armadi che li spiano per vedere se fanno i buoni, di microtelecamere non visibili da noi umani per controllare le buone azioni…Un Natale da grande fratello mi verrebbe da pensare sgomenta…ma l’importante è che la magia non sia interrotta e .che le favole siano il loro pane quotidiano finchè si può…Mentre stelle, cuori, omini e alberelli si cuocevano in forno ci siamo dedicati a mettere il naso alle renne e prima che vengano spazzati via da una fame di biscotto incontrollabile ve le mostro!!!renne

Semplice pasta frolla con decorazioni di glassa , cioccolato fuso e confettini al cioccolato!!   Buon Nataleeeeeeee

La tradizione alle noci

L’otto dicembre per noi è sempre legato al mio papà, che tra ieri e oggi festeggia compleanno e onomastico, quindi prima di tutto AUGURI!! Perciò è legato anche a tradizioni che si ripetono anno dopo anno, con poche modifiche ed eccezioni, altrimenti che tradizioni sono!! Il rituale prevede un grande pranzo che si conclude con la famosa torta alle noci della mia mamma! Non certo famosa come pasticcera, quando ci si mette però è molto capace, specialmente se i piatti che cucina hanno ingredienti che le piacciono, tipo le noci!!! Anche a 700 km di distanza, questa mattina è la prima cosa che ho fatto( con le noci che ovviamente mio papà ha raccolto dal nostro grande albero, ha sgusciato e mi ha spedito qualche giorno fa) è stata proprio questa torta.noci2

Il mio piccolo dopo averla mangiata ha detto che aveva l’odore di casa dei nonni….che io non sento, forse perchè è anche un pò mia.

Ingredienti:

  • 4 uova
  • 175gr di farina
  • 175 gr di zucchero semolato
  • 100gr di cioccolato fondente tagliato a coltello in piccoli pezzi
  • 100gr di uvetta rinvenuta in un liquore dolce
  • 100gr di burro sciolto a bagno maria
  • 300gr di gherigli di noci
  • un cucchiaino di cannella in polvere

Separate i tuorli dagli albumi e montate a neve quest’ ultimi. Sbattete i tuorli con lo zucchero e poi aggiungete il burro, la farina, il cioccolato,la cannella, l’uvetta e le noci. Aspettate che ogni ingrediente sia amalgamato prima di inserire il successivo. Sarà un impasto duro e faticoso da girare ma alla fine potrete inserire i bianchi montati e neve e le cose si semplificheranno. Per non smontare i bianchi girate dal basso verso l’alto fino a che il composto non risulta ben amalgamato. Ora imburrate e infarinate una teglia rettangolare ampia e bassa, una lasagnera per esempio e versateci l’impasto. Livellate con una spatola in uno strato sottile e via in forno per 30 min. a 190°. Una volta fredda tagliatela in quadratini e spolverate con lo zucchero a velo! Un idea per cominciare le feste natalizie con i sapori tipici di questo periodo!noci