dai dinosauri ai vichinghi!

Perchè il tempo è inarrestabile e sembra ieri che tenevo il mio piccolo tra le braccia appena nato, con gli occhi enormi e le manine rugose. Perchè si cresce e giorno dopo giorno si fanno scoperte interessanti e si vivono avventure magiche nella fantasia e nella realtà. Perchè mio figlio ha, nella sua testolina meravigliosa, già una sua linea del tempo e dai dinosauri dello scorso anno ora siamo nell’epoca dei vichinghi…ma già si intravedono castelli e cavalieri in un angolo! Perchè è meraviglioso scoprire e riscoprire il mondo attraverso gli occhi dei tuoi figli. Perchè non mi stancherò mai di questo e di aiutarli in questa scoperta! Quest’anno sono sei, compiuti tra l’altro il suo primo giorno di scuola primaria e non si poteva non festeggiarli alla grande!!!tort

Per questa torta vichingosa ho seguito rigorosamente le indicazioni di mio figlio ovviamente, che anche se piccolo ha le idee molto chiare culinariamente parlando, ma d’altronde…..

Pandispagna al cacao, crema al latte e cose da vichinghi of course!!

dent

Pandispagna al cacao

  • 6 uova
  • 270gr farina00
  • 300gr zucchero
  • 40gr di cacao
  • 1 bustina di lievito

Qui molte di voi saranno inorriditi: il pandispagna con il lievito?? Ebbene sì io lo faccio con il lievito, riduco il quantitativo di uova ed è a prova di errore…insomma so che non è un vero pandispagna, ma è sempre perfetto! Impasto tutti gli ingredienti insieme e inforno a forno caldo 180° per 40 min. Faccio intiepidire nel forno leggermente aperto e lo sformo solo quando è ora di farcirlo. Lo preparo almeno un giorno prima perchè così è meno sbricioloso.

Crema al latte

  • 500 ml di latte intero fresco
  • 100 gr di zucchero semolato alla vaniglia
  • 2 cucchiaini di miele
  • 50 gr di maizena
  • 100ml di panna da montare

Bollite il latte, lo zucchero e il miele. Versatelo a filo sulla maizena mentre mescolate con una frusta per non far formare i grumi e rimettete sul fuoco. Quando comincia ad addensare è pronta. Lasciate raffeddare e una volta fredda aggiungete poco alla volta mescolando dal basso verso l’alto la panna montata. Pronta, profumata e gustosa! Negli ingredienti ho scritto zucchero alla vaniglia. Altro non è che un recupero. Vi spiego. Quando usate i semini di una costosa bacca di vaniglia poi cosa fate con la bacca vuota? Io le metto in un barattolo con lo zucchero semolato. Ecco che così otterrete un profumato zucchero alla vaniglia perfetto nei dolci o nelle tisane e the che preferite zuccherare!

Ho bagnato la torta con del latte semplicemente prima di farcirla e decorata con decorazioni in pasta di zucchero.

Al mio vichingo e a suo clan è piaciuta mooolto da come si leccavano i baffi! Provare per credere…specialmente se avete vichinghi nei paraggi!

Raimbow cake…per festeggiare il mio amore!

Quando è nata la mia prima bimba le ho scritto una lettera in cui le dicevo quanto mi sarei impegnata a renderla felice, sicura, serena, libera. Continuo ad impegnarmi ogni giorno perchè questo avvenga! Qualche giorno fa ho letto un articolo di un altra blogger proprio sul fatto che noi mamme ci sentiamo come si sentono i nostri figli, se sono tristi, siamo tristi, se sono felici siamo felici….ma è vero anche un pò il contrario. Se siamo serene, soddisfatte, calme e amorevoli noi, lo saranno anche i nostri bimbi….almeno finchè sono piccolini. Una settimana fa la mia cucciola ha compiuto otto anni, tanti….perchè a me sembra ieri di averla presa in braccio per la prima volta. La torta che ho pensato per lei è un arcobaleno…perchè dopo ogni temporale torna sempre il sereno, nel cielo e nella vita! Perchè dopo ogni difficoltà si può ancora sorridere. Perchè bisogna circondarci di colori, di allegria, di fiori, di profumi e cercare a tutti i costi la nostra fetta di felicità!

tulipi

Se volete provare anche voi a vedere se alla fine di una fetta arcobaleno c’è un pentolone di monete d’oro, ora vi dirò le mie dosi! E’ una torta che prevede l’uso di coloranti alimentari, che in effetti evito sia quando cucino che quando faccio la spesa, ma vi assicuro che a volte fare uno strappo alla regola fa bene…perchè io la mia pentola con le monete d’oro l’ho trovata nei sorrisi stupiti dei miei bimbi al taglio della prima fetta!!

Bisogna cuocere sei dischi di pan di spagna, uno per ogni colore. Io ho usato le teglie in alluminio basse usa e getta da 24 cm. Se avete un forno grande potete cuocere anche due teglie insieme sullo stesso piano, ma se è piccolo come il mio non vi consiglio di metterne una sopra e una sotto anche se usate il ventilato perchè la cottura non risulterà uniforme e si potrebbero creare delle asimmetrie nella lievitazione in cottura.

Ingredienti per ogni base:

  • 2 uova
  • 100gr di farina
  • 100gr di zucchero
  • 1/2 cucchiaino di lievito
  • colorante alimentare q.b.

In una terrina mettete le uova e la quantità di colorante alimentare scelta. Io ho usato coloranti in gel e la punta di un coltello è stata sufficiente, ma potete usare anche quelli liquidi o in polvere, a voi la scelta del tipo e l’intensità di tono. Sbattiamo con una frusta elettrica o a mano le uova e il colorante per farlo sciogliere bene e poi aggiungiamo lo zucchero e frulliamo ancora.  Ora aggiungiamo farina e lievito e frulliamo ancora un pò, livelliamo il composto nella teglietta imburrata e infarinata e via in forno caldo 180° Per circa 20, 24 min. Ripetiamo questa operazione per tutti gli strati..e tutti i  colori.Per la farcia io ho scelto una crema al latte senza uova visto che ne avevo usate già 12 nei vari pan di spagna, e ho bagnato ogni disco con una soluzione di latte e acqua al 50%.

Ingredienti crema al latte:

  • un litro di latte fresco intero
  • 200gr di zucchero
  • 4 cucchiaini di miele millefiori
  • 100gr di maizena
  • bacca di vaniglia
  • 250 ml di panna fresca non zuccherata

In un pentolino mettete a scaldare il latte con la bacca di vaniglia, lo zucchero e il miele. Quando sta per bollire versarlo a filo in una ciotola in cui avrete già messo la maizena e girate velocemente poco latte alla volta affinchè non si creino grumi. Ora rimettete sul fuoco e fate addensare. Di solito pochi secondi dopo la bollitura è pronta. Lasciate raffreddare completamente e poi aggiungete la panna che avrete prima montato. Unitela delicatamente con movimenti dal basso verso l’alto.

raimbow

Non vi resta che assemblare delicatamente la torta e decorarla come più gradite. Io ho usato dei piccoli fiorellini di pdz che ho realizzato con gli stessi colori usati per gli strati e le loro gradazioni. Il fatto di mantenere neutro l’esterno crea la meraviglia nel vedere il colore all’interno! Se trovate anche voi il pentolone di monete d’oro fatemi sapere!!