torta ai tre latti

Già il titolo sa di coccola, non è vero?? Ho provato a prepararla pensando alla mia dolce metà che ama il latte condensato e le torte moooordide e scioglievoli e devo dire che ho proprio colto nel segno perchè ha davvero superato ogni mia più rosea aspettativa! E’ piaciuta anche a me che non amo i dolci troppo dolci! Ha origini messicane e secondo me, a dispetto del titolo, che fa pensare alla colazione, è invece adatta ad una merenda o ad un fine pasto…se il pasto è stato leggero!! Dico questo perchè va servita fredda e per me la colazione ha altre temperature!

latt

Tre Latti perchè la base della torta che è un pan di spagna, si bagna con una miscela di tre latti: panna fresca non zuccherata, latte condensato e latte intero fresco. La copertura l’ho realizzata con panna vegetale zuccherata, montata poco prima di servirla.

Ingredienti base:

  • 5 uova
  • 170 gr di zucchero semolato
  • 200 gr di farina 00
  • semini di una bacca di vaniglia
  • una bustina di lievito per dolci

Ingredienti bagna:

  • 300 ml di latte intero fresco
  • 300 gr di latte condensato
  • 300 ml di panna liquida fresca non zuccherata

Per la finitura 250 ml di panna da montare.

Prepariamo l’impasto per il pan di spagna mettendo tutti gli ingredienti, tranne gli albumi delle uova, in un robot o planetaria o in una ciotola e frulliamo. Montiamo gli albumi a neve ben ferma e delicatatmente li incorporiamo al composto che risulta molto compatto. Per incorporare i bianchi, usate movimenti dal basso verso l’alto per non smontarli. Una volta incorporati tutti per bene cuociamo la torta in forno caldo a 160° per 30-35 minuti circa, fate la prova stecchino dopo la mezz’ora. Usate una tortiera di ceramica o vetro, perchè sarà poi quella del servizio. Io ho usato una teglia rettangolare di 18×28 cm.                          Una volta cotta lasciatela raffreddare per bene. Ora prepariamo la bagna semplicemente mescolando i tre latti. La torta va tutta bucherellata per far assorbire il latte. Io l’ho anche tagliata già in quadrotti e ho tolto la crosticina del pan di spagna che si era formato in cottura. Versate i latti uniformemente su tutta la torta, copritela con una pellicola e mettetela in frigorifero per almeno 4 ore. Non spaventatevi, il liquido verrà tutto assorbito. Più aspettate e più la torta diventa buona. Io l’ho preparata di mattina e servita la sera, ma il giorno dopo a detta di tutti gli assaggiatori era più buona. Non vi resta che decorarla di panna montata prima di servirla! E’ una torta morbita, molto umida e scioglievole, che sa di latte ovviamente, ma anche di vaniglia. E’ fresca e non eccessivamente dolce come invece mi sarei aspettata per la presenza del latte condensato….i bambini l’hanno adorata, ma anche i grandi!!

Con questa ricetta partecipo al contest: ostriche

una zebra a colazione!

Continuo con la carrellata di dolci da colazione, anche perchè non faccio altro in queste settimane che preparare i così detti dolci da dispensa. Come vi ho già raccontato, preferisco che la mia famiglia consumi un dolcetto fatto in casa per colazioni e merende piuttosto che qualcosa di industriale, così mi diletto a variarne la forma più che il contenuto, perchè preferisco stare sul semplice per queste due occasioni. Quindi farina, zucchero , latte e uova…e un pò di fantasia! Ritengo che sia un privilegio, oggi come oggi, avere del tempo da dedicare alla preparazione di una torta, vero anche che a volte bastano davvero dieci minuti per fare un impasto e metterlo in forno, quindi non spaventatevi, basta prenderci la mano e usare il tempo per preparare una torta come se fosse un tempo di defaticazione mentale. Cucinare per me è terapeutico, mi rilassa, mi riequilibra e mi fa fare pace con il mondo..provare per credere! Oggi vi propongo la torta zebrata, un classico ormai, e la dedico alla mia amica-sorella Laura che a lei le zembre vengono a pois!!!!zebraIngredienti:

  • 350 gr di farina 00
  • 200gr di zucchero
  • 200ml di latte intero fresco
  • 180 ml di olio di semi di ottima qualità
  • una bustina di lievito
  • 3 uova medie
  • 50 gr di cacao amaro
  • un goccio di latte in più a quello già messo

Nel nostro robot da cucina o nella nostra ciotolona con le fruste elettriche mettiamo tutti gli ingredienti, prima solidi, poi liquidi, tranne il cacao e il goccio di latte, e frulliamo bene. Negli ingredienti io a volte scrivo: latte intero fresco, uova medie…ma se avete il latte a lunga conservazione parzialmente scremato o uova grandi, va bene lo stesso! In questo tipo di pasticceria potete giostrarvi un pò, cose che in altre è assolutamente vietato, altrimenti non gonfiano bene o non si ottiene il risultato voluto. In quel caso vi specificherò bene! Ora, una volta che avete ottenuto il vostro impasto liscio e senza grumi, mettetene circa la metà in una ciotola, potete fare ad occhio. Nell’impasto restante aggiungete il cacao e il goccio di latte e amalgamate. Ora avrete due ciotole con i due impasti, uno bianco e uno nero. Imburrate e infarinate una tortiera da 26 cm. e munitevi di due cucchiai. Cominciate a mettere al centro della ciotola un cucchiaio di impasto bianco per esempio, e poi sopra, sempre al centro versateci un cucchiaio di impasto nero, continuate così fino a quando non avrete usato tutti gli impasti. Sempre al centro, mi raccomando, un cucchiaio sopra l’altro, e vedrete già nella teglia il formarsi di tutti anelli concentrici a contrasto l’uno con l’altro! Ora in forno caldo 170° per circa 40 min. Prova stecchino obbligatoria. Non dò quasi mai un tempo netto preciso, perchè molto varia in base al vostro forno, se ventilato o statico, se la tortiera usata è più o meno grande, insomma nella prima mezz’ora non aprite mai lo sportello del forno, ma poi cominciate a guardare le vostre torte e comincerete voi stesse a capire dal colore, dalla forma e dall’odore se è cotta o meno! Buona colazione!!!