torta ai tre latti

Già il titolo sa di coccola, non è vero?? Ho provato a prepararla pensando alla mia dolce metà che ama il latte condensato e le torte moooordide e scioglievoli e devo dire che ho proprio colto nel segno perchè ha davvero superato ogni mia più rosea aspettativa! E’ piaciuta anche a me che non amo i dolci troppo dolci! Ha origini messicane e secondo me, a dispetto del titolo, che fa pensare alla colazione, è invece adatta ad una merenda o ad un fine pasto…se il pasto è stato leggero!! Dico questo perchè va servita fredda e per me la colazione ha altre temperature!

latt

Tre Latti perchè la base della torta che è un pan di spagna, si bagna con una miscela di tre latti: panna fresca non zuccherata, latte condensato e latte intero fresco. La copertura l’ho realizzata con panna vegetale zuccherata, montata poco prima di servirla.

Ingredienti base:

  • 5 uova
  • 170 gr di zucchero semolato
  • 200 gr di farina 00
  • semini di una bacca di vaniglia
  • una bustina di lievito per dolci

Ingredienti bagna:

  • 300 ml di latte intero fresco
  • 300 gr di latte condensato
  • 300 ml di panna liquida fresca non zuccherata

Per la finitura 250 ml di panna da montare.

Prepariamo l’impasto per il pan di spagna mettendo tutti gli ingredienti, tranne gli albumi delle uova, in un robot o planetaria o in una ciotola e frulliamo. Montiamo gli albumi a neve ben ferma e delicatatmente li incorporiamo al composto che risulta molto compatto. Per incorporare i bianchi, usate movimenti dal basso verso l’alto per non smontarli. Una volta incorporati tutti per bene cuociamo la torta in forno caldo a 160° per 30-35 minuti circa, fate la prova stecchino dopo la mezz’ora. Usate una tortiera di ceramica o vetro, perchè sarà poi quella del servizio. Io ho usato una teglia rettangolare di 18×28 cm.                          Una volta cotta lasciatela raffreddare per bene. Ora prepariamo la bagna semplicemente mescolando i tre latti. La torta va tutta bucherellata per far assorbire il latte. Io l’ho anche tagliata già in quadrotti e ho tolto la crosticina del pan di spagna che si era formato in cottura. Versate i latti uniformemente su tutta la torta, copritela con una pellicola e mettetela in frigorifero per almeno 4 ore. Non spaventatevi, il liquido verrà tutto assorbito. Più aspettate e più la torta diventa buona. Io l’ho preparata di mattina e servita la sera, ma il giorno dopo a detta di tutti gli assaggiatori era più buona. Non vi resta che decorarla di panna montata prima di servirla! E’ una torta morbita, molto umida e scioglievole, che sa di latte ovviamente, ma anche di vaniglia. E’ fresca e non eccessivamente dolce come invece mi sarei aspettata per la presenza del latte condensato….i bambini l’hanno adorata, ma anche i grandi!!

Con questa ricetta partecipo al contest: ostriche

Annunci

uova di pasqua? riciclo 2!

Eccomi qui con una seconda idea riciclosa per consumare il cioccolato delle uova di pasqua! Chi ha bimbi…magari più di uno sa che ci si ritrova pieni di cioccolata dopo Pasqua….qui da noi sono state aperte 8 uova di pasqua … coniglietti e gallinelle sono ancora incartate!!!! In questa ricetta ho usato il cioccolato fondente, ma va bene anche quello al latte…gli assaggiatori si sono divisi su questo, ma dipende tutto da che tipo di cioccolata amate di più!!bounty

CIOCCOLATINI AL COCCO

Ingredienti:

  • 220gr di farina di cocco
  • 200gr di panna vegetale zuccherata
  • 300gr di cioccolato per la copertura

Ovviamente si può usare anche la panna fresca di latte, in questo caso aggiungete un 70/80 gr di zucchero.                            Mettete la panna (con lo zucchero se panna fresca) in un pentolino e scaldarla, al primo segno di bollore togliere dal fuoco e aggiungere la farina di cocco, amalgamare bene e trasferire il composto in un foglio di carta forno. Cercate di conferirgli una forma rettangolare. Lasciate intiepidire un pò e poi riponetela in gongelatore per un ora almeno. Quando verete che la vostra mattonella al cocco è ben solida tiratela fuori dal freezer e tagliatela in rettangolini, quadratini come più vi piace. Intanto in un pentolino a bagno maria sciogliete il cioccolato fondente o al latte e aspettate che sia ben fluido. Se siete esperte e avete il termometro potete anche temperare il cioccolato così i vostri cioccolatini verranno lucidi…io non sono attrezzata per questo, ma forse presto….chissà!! Comunque veniamo ai cioccolatini. Ora prendete uno alla volta i pezzettini di ripieno al cocco e passateli nel cioccolato aiutandovi con due forchettine o una pinza da cucina e poi metteteli ad asciugare su carta forno. Una volta completati tutti potete sciogliere un pezzetto di cioccolata a contrasto, o anche bianca e creare dei decori. Io ho fatto riposare in frigorifero perchè secondo me sono deliziosi freddi!

cocc

panna cotta con salsa di fragole

Della primavera adoro molte cose e le fragole sono una di queste, al naturale, con zucchero e limone, sulle torte, nelle macedonie, ma quando assaggerete questa salsina per accompagnare la panna cotta vedrete che l’adorerete anche voi come me! Anche questo è un dolce semplice e veloce che però vi assicurerà un successo garantito….ha anche un aspetto leggero, ma non lo è attenzione!!!!! Io l’ho preparata con il bimby seguendo le istruzioni sul libro base, quindi qui vi darò solo le indicazioni per il metodo tradizionale.panna

Ingredienti:

PANNA COTTA

  • 1 litro di panna fresca naturale
  • 150gr di zucchero
  • semini di una bacca di vaniglia
  • 20gr di fogli di colla di pesce

SALSA ALLE FRAGOLE

  • 400gr di fragole
  • 200gr di zucchero
  • succo di un limone

Cominciamo con la panna cotta. In una ciotolina mettete ad ammollare i fogli di gelatina con acqua fredda. In un pentolino a fuoco dolce mettiamo a scaldare la panna, lo zucchero e la vaniglia. La panna deve scaldarsi bene ma senza bollire mi raccomando! Quando è ben calda strizzate bene la gelatina e unitela, girate benissimo con una frusta affinchè non rimangano grumi di gelatina, volendo potete anche passare tutto velocemente nel frullatore. Sporzionate nelle singole coppette ( io ne ho riempite 10 come quelle nella foto) o in un contenitore unico in silicone o in metallo o ceramica avendo però l’accortezza di rivestire questi ultimi con della pellicola per facilitarvi poi nell’impiattare. Lasciate intiepidire a temperatura ambiente e poi in frigorifero per almeno 3 ore.

Per la salsa di fragole: Frullate le fragole con limone e zucchero e poi versatele in un pentolino e fatele cucinare per circa 8 minuti a fuoco dolce, mettete in una ciotola e fate raffreddare anche in frigorifero. Poco prima di servire mettete in ogni coppetta la salsa di fragole e guarnite con una bella fragola!

il tempo delle fragole….

Si da il via alle primizie, se si possono ancora chiamare così visto che in realtà (purtroppo) si trovano tutto l’anno nei supermercati. Io le adoro, le fragole! Il mio dolce preferito penso che sia proprio questo : millefoglie con crema profumata al limone e fragole in superficie…se poi c’è un pochino di panna e granella di nocciola vado in visibilio! Quella che vi mostro oggi è spiritosina, pensata per stupire i bambini, ma anche i grandi. Una signora nel fruttivendolo siciliano dove compro la frutta mia ha detto che quando si mangia la prima primizia di stagione bisogna esprimere un desiderio, detto fatto, ma non ve lo svelo!! E voi ne avete uno?? Allora provate a realizzarlo mangiando la prima fragola di stagione!! coccinella

Ingredienti:

  • 3 rotoli di pasta sfoglia rotonda
  • 1 litro di latte intero fresco
  • un limone bio
  • 200gr di zucchero
  • 100gr di farina 00
  • 4 uova
  • fragole
  • 20 gr di cioccolato fondente
  • 2 bastoncini ricoperti di cioccolato x le antenne
  • 250ml di panna da montare
  • granella di nocciole 200gr

Cominciate preparando la crema: In un mixer o anche con quello ad immersione frullate latte, uova, zucchero, farina e scorza grattugiata del limone. Portate ad ebollizione a fuoco dolce e lasciate cuocere qualche minuto fino a che non si sia rappresa un pò. Lasciate raffreddare in una terrina coperta da pellicola alimentare a contatto. Cuocete a forno caldo 180° le sfoglie dopo averle punzecchiate per non farle gonfiare, e fino a che non si sono dorate, io le cuocio una alla volta e senza teglia, mettendo direttamnte sulla grata del forno la sfoglia sulla sua carta forno.

Quando crema e sfoglie sono ben fredde, assemblatele alternando sfoglia e crema. Ora con la panna monata coprite con uno strato leggero creando così la base bianca per la decorazione. Sciocgliete a bagno maria il cioccolato fondente e con un conetto di carta create le decorazioni su un foglio di carta forno: I cerchietti per occhi e pois tra le fragole e il sorriso. Lasciate raffreddare intanto scegliete le fragole più belle della vostra cassettina lavatele, asciugatele e disponetele tagliate a metà come nella foto. Per il bordo io ho tostato e tritato le nocciole con qualche pezzetto di cioccolato avanzato, ma si può comperare la granella già pronta, create così il bordo. Ora non vi resta che inserire i due bastoncini per le antenne, posizionare occhi e sorriso e gustarla con gli occhi e il palato!!! Buona primavera a tutti!!coccinella gaia

Cocco a tutto tondo!

Se siete amanti del cocco non potete non farvi questo regalo e prepararvi questa mini-cake coccosissima! Noi quattro abbiamo l’animo tropicale, mio figlio se è con me a fare la spesa almeno una volta mi chiede se possiamo comprare il cocco! Ora vi racconto un aneddoto simpatico, per strapparvi un sorriso in una giornata grigia. Qualche mese fa, abbiamo ceduto alle sue richieste e nella fruttiera di casa è arrivato anche un cocco! Ora..io l’adoro, ma non lo so proprio capire se un cocco è buono o no e a volte compro delle ciofeche inaudite, ah e non siamo neanche ferrati sull’arte di aprirli i cocchi! Mio marito si mette in terrazza e armato da carpentiere cerca di avere la meglio sul malcapitato cocco…con un cacciavite, che indovinate…lo ferisce ad una mano. Mentre andava in bagno con la mano ferita mio figlio gli chiede allarmatissimo:- Papà cosa hai fattooooo???? Papà:- Non preoccuparti amore, papà si è fatto solo un pò male con il cacciavite mentre apriva il cocco. Bimbo:-…………perchè il cocco ha le viti, papà????

cocco

Ingredienti torta da 18 cm. :

  • 150gr di farina00
  • 80gr di farina di cocco
  • 150gr di zucchero
  • 1 yogurt al cocco
  • 40gr di olio di semi
  • una bustina di lievito
  • 2 uova

Sbattete tutti gli ingredienti insieme e infornate a forno caldo 160° per 45 min. Fate raffreddare e tagliate in tre dischi

Ingredienti crema:

  • 250gr di panna fresca
  • mezza confezione di dolceneve
  • 100gr di cioccolato bianco
  • 100gr di farina di cocco

Fate sciogliere a bagno maria il cioccolato bianco e tenete da parte a raffreddare un pochino. Intanto montate il dolce neve con la panna e non con il latte stavolta. Una volta montato bene unire poco alla volta il cioccolato fuso e poi la farina di cocco.

dentro

Io ho bagnato la torta con il latte a cui avevo aggiunto qualche goccia di aroma alle mandorle ed ho impilato gli strati alternando torta e crema. Ricoperto anche l’esterno della torta di crema a cui ho poi fatto aderire il cocco grattugiato. Per un effetto migliore se riuscite a trovarle il cocco ancora meno grattugiato del mio, ma più a scaglie è meglio.

Ora deliziatevi amici amanti del cocco!!!!!!!

 

crema catalana o creme brulee??

Nella mia calza della befana non ho trovato dolcetti, ma neanche carbone! C’era però il cannello da cucina per caramellare e gratinare ed è stato il regalo più gradito che poteva farmi il mio befano!!! E’ rimasto lì per un pò, dovevamo smaltire tutti i dolcetti delle feste , ma in settimana non potevo più resistere ed ecco qui la mia crema con la crosticina di zucchero! L’articolo ha come titolo una domanda perchè in realtà la mia ricetta è una via di mezzo tra le due citate. La differenza tra una crema catalana e una creme brulle sta nel fatto che una usa il latte, mentre l’altra la panna, una si cuoce su un pentolino sul gas e una a bagno maria in forno, in una si aggiunge un pò di farina o amido di mais, in una no…io ho mescolato le cose per facilitare e velocizzare tutti i passaggi e il risultato è stato mooolto apprezzato. La crema era soffice e gustosa e la crosticina croccante e con il classico rumore che indica che la caramellizzazione è stata fatta correttamente! bruleIngredienti:

  • 3 tuorli
  • 300ml di panna fresca
  • un cucchiaio abbondante di zucchero di canna
  • la buccia grattugiata di un limone bio
  • un cucchiaino di maizena
  • un pò di zucchero di canna per la caramellizzazione

Per preparare questa crema ho usato il Bimby, per chi lo possiede niente di più facile, tutti gli ingredienti nel boccale, tranne lo zucchero per la crosticina finale, a 90° per 10 minuti a velocità 4. Per tutti gli altri niente paura, abbiamo provato anche senza! Sbattete in una ciotola lo zucchero con i tuorli. Mettete a scaldare la panna con la buccia del limone e prima dell’ebollizione spegnete il fuoco. Ora in una tazzina da caffè mettete la maizena e un cucchiaino di panna calda e sciogliete bene l’amido. Versate a filo la panna sui tuorli sbattuti, se non vi piace sentire le scorzette di limone,attraverso un colino e poi travasate di nuovo nel pentolino e mettetelo nuovamente sul gas a fuoco dolce sempre girando e aggiungete la maizena sciolta. Fate cuocere un paio di minuti, fino a che non sentite che si sta addensando leggermente.

Ora, finita la cottura travasate nelle cocottine, di quelle che possono andare anche in forno, e lasciate intiepidire. Con questa dose ho riempito tre cocotte. Una volta intiepidito spostate le cocottine in frigo e lasciatele lì almeno 2 ore. Prima di servire lasciatele a temperatura ambiente una ventina di minuti, cospargete la superficie di zucchero di canna, più ne mettete più spessa verrà la crosticina, ma attenzione a non eccedere altrimenti sarà troppo dolce, e caramellizzate con il cannello finchè non si sarà formata la crosticina. Se non possedete il cannello mettete in forno sotto il grill pochissimi attimi, fino a che non vi accorgete della crosticina!

tiger cake

Silvia è una bimba minuta e delicata con le lentiggini e gli occhi curiosi e intelligenti. Un giorno era con i suoi genitori e il suo fratellino allo zoo per una gita, era dispiaciuta per tutti quegli animali in gabbia e si rallegrava solo quando riusciva a vedere i fiocchi rosa o azzurri sulle gabbie! L’arrivo di un cucciolo mette sempre allegria anche in uno zoo! Il suo fratellino era felicissimo invece, e saltellava da un recinto all’altro, emozionato e sempre con una mano nello zainetto alla ricerca dell’animale giusto tra i suoi amici gommosi! Finalmente la passeggiata li conduce davanti al recinto delle tigri, ma a Silvia sembravano inquiete e tristi. Lo stesso però non riusciva a togliere gli occhi da quegli animali affascinanti come solo un felino sa essere. Ad un certo punto la tigre più lontana cominciò a ruggire e si avvicinò stanamente alla recinsione. Anche la tigre aveva notato quella piccola e delicata bimba che la osservava. Si studiarono a lungo la bimba e la tigre, una così minuta e dritta e l’altra maestosa e fremente. I genitori e il fratellino guardavano la scena da lontano tra il terrore e lo sgomento ma immobili per la forza che si percepiva dall’incontro. Non potevano toccarsi, ma in realtà lo stavano facendo…attraverso gli occhi, quelli gialli della tigre e quelli verde-marrone della bimba. Poi un cenno della testa e si salutarono la bimba e la tigre come se entrambe si fossero ritrovate, riconosciute ma consce del fatto che forse non si sarebbero viste mai più!tigre

Pasta di zucchero:

  • 500gr di zucchero a velo (non fatto in casa!)
  • 6 gr di colla di pesce ( di solito è un foglio)
  • 60gr di miele, se invece vi serve bianchissima usate il glugosio
  • 30gr di acqua
  • 10gr di burro morbido

Mettete a bagno la gelatina in acqua fredda, nel frattempo in un pentolino mettete l’acqua, il miele o il glugosio e una volta ammollata la colla di pesce, ora sciogliete a fuoco dolce e aggiungete anche il burro. Quando è tutto sciolto versate a filo sullo zucchero e impastate. Io vi consiglio di usare una planetaria o un robot almeno nella prima fase dell’impasto e poi lavorate un pò a mano ma senza aggiungere tanto zucchero a velo. Formate un panetto e mettete a riposo per 12 ore avvolto nella pellicola per alimenti. Ora potete colorarla e creare!!!!tigre1

Decorazione a panna colorata: Qui ho creato un disegno con la crema al cioccolato ispirandomi ad un illustrazione del libro di Silvia, poi ho colorato la panna e ho riempito gli spazi con sac a poche con bocchetta piccola…perchè una torta può essere un foglio bianco su cui disegnare!!

Il mio “pan di spagna”:

  • 6 uova
  • 300gr di farina 00
  • 30gr di zucchero
  • una bustina di lievito
  • semini di una bacca di vaniglia

Frullare tutti gli ingredienti insieme e via in forno caldo in una teglia imburrata e infarinata per 40 min a 180°. Prova stecchino obbligatoria dopo i 35 min!! Questa dose va bene per una teglia da 28cm.