dai dinosauri ai vichinghi!

Perchè il tempo è inarrestabile e sembra ieri che tenevo il mio piccolo tra le braccia appena nato, con gli occhi enormi e le manine rugose. Perchè si cresce e giorno dopo giorno si fanno scoperte interessanti e si vivono avventure magiche nella fantasia e nella realtà. Perchè mio figlio ha, nella sua testolina meravigliosa, già una sua linea del tempo e dai dinosauri dello scorso anno ora siamo nell’epoca dei vichinghi…ma già si intravedono castelli e cavalieri in un angolo! Perchè è meraviglioso scoprire e riscoprire il mondo attraverso gli occhi dei tuoi figli. Perchè non mi stancherò mai di questo e di aiutarli in questa scoperta! Quest’anno sono sei, compiuti tra l’altro il suo primo giorno di scuola primaria e non si poteva non festeggiarli alla grande!!!tort

Per questa torta vichingosa ho seguito rigorosamente le indicazioni di mio figlio ovviamente, che anche se piccolo ha le idee molto chiare culinariamente parlando, ma d’altronde…..

Pandispagna al cacao, crema al latte e cose da vichinghi of course!!

dent

Pandispagna al cacao

  • 6 uova
  • 270gr farina00
  • 300gr zucchero
  • 40gr di cacao
  • 1 bustina di lievito

Qui molte di voi saranno inorriditi: il pandispagna con il lievito?? Ebbene sì io lo faccio con il lievito, riduco il quantitativo di uova ed è a prova di errore…insomma so che non è un vero pandispagna, ma è sempre perfetto! Impasto tutti gli ingredienti insieme e inforno a forno caldo 180° per 40 min. Faccio intiepidire nel forno leggermente aperto e lo sformo solo quando è ora di farcirlo. Lo preparo almeno un giorno prima perchè così è meno sbricioloso.

Crema al latte

  • 500 ml di latte intero fresco
  • 100 gr di zucchero semolato alla vaniglia
  • 2 cucchiaini di miele
  • 50 gr di maizena
  • 100ml di panna da montare

Bollite il latte, lo zucchero e il miele. Versatelo a filo sulla maizena mentre mescolate con una frusta per non far formare i grumi e rimettete sul fuoco. Quando comincia ad addensare è pronta. Lasciate raffeddare e una volta fredda aggiungete poco alla volta mescolando dal basso verso l’alto la panna montata. Pronta, profumata e gustosa! Negli ingredienti ho scritto zucchero alla vaniglia. Altro non è che un recupero. Vi spiego. Quando usate i semini di una costosa bacca di vaniglia poi cosa fate con la bacca vuota? Io le metto in un barattolo con lo zucchero semolato. Ecco che così otterrete un profumato zucchero alla vaniglia perfetto nei dolci o nelle tisane e the che preferite zuccherare!

Ho bagnato la torta con del latte semplicemente prima di farcirla e decorata con decorazioni in pasta di zucchero.

Al mio vichingo e a suo clan è piaciuta mooolto da come si leccavano i baffi! Provare per credere…specialmente se avete vichinghi nei paraggi!

Annunci

Buon lunedì…che sembra sabato

Sono impazzita? Forse un pò sì, ma dovete saper che fino a mercoledì qui in casa zuccherando vige un fine settimana lunghissimo…tre giorni di vacanza da scuola per le feste di carnevale…più i due giorni di fine settimana già trascorsi sono cinque giorni casalinghi di mamma e bimbi! Quando non c’è scuola per loro è sempre weekend e valgono le regole del weekend, quindi il piccolo anarchirco vorrebbe non lavarsi e non vestirsi fino ad ora di cena, questo implica che non è ben disposto ad uscire, la grande, sulla scia del fratello disegnerebbe tutto il giorno in pigiama e capelli a fungo, sparpagliando opere eclettiche su ogni superficie della casa! Comunque, questo per dirvi che anche in me alberga l’animo festaiolo, niente orari e voglia di cose speciali…e così questa mattina super colazione con pain au chocolat! Questa volta per la sfogliatura ho seguito tutti i tempi per benino!! L’uomo di casa questa mattina si è recato a lavoro come sempre, ma non potevo non farlo partecipare alla colazione speciale, così mi sono alzata alle sei per infornare e salutarlo con un dolcino speciale! colaz

Gli ingredienti e il procedimento sono gli stessi dei croissant sfogliati con lievito madre, niente vieta di riproporli con il lievito di birra o il lievito madre in polvere, ovviamente regolandovi in maniera diversa per i tempi di lievitazione. Con questi ho cominciato rinfrescando il lievito madre sabato dopo pranzo, fatto le prime pieghe il sabato sera e inserito il burro per la sfogliatura la domenica mattina. Formato i saccottini domenica sera dopo cena e lasciato lievitare tutta la notte. Questa mattina ho infornato a 190° per 20 min circa.

Ingredienti

  • 380gr fi farina 00
  • 170 gr di farina manitoba
  • 160 gr di pasta madre rinfrescata almeno da 5 ore
  • 250 gr di latte
  • 2 uova
  • 90 gr di zucchero
  • 20 gr di burro a pezzetti e temperatura ambiente
  • 5 gr di sale
  • vaniglia, bacca o essenza
  • buccia di un arancia bio
  • 200 gr di cioccolato fondente in tavoletta per il ripieno
  • 250 gr per la sfogliatura
  • un uovo da spennellare x la finitura

Ho preparato l’impasto come descritto qui! Ma ho inserito il panetto di burro solo la mattina dopo, lasciando l’impasto a lievitare tutta la notte in frigorifero. Quindi: sabato dopo pranzo ho rinfrescato la pasta madre, prima di cena ho preparato l’impasto, lasciato a temperatura ambiente per tre ore, fatto la prima piegatura a tre per due volte e lasciato in frigo, piegato e coperto da pellicola per tutta la notte. La mattina di domenica ho inserito il burro e fatto le pieghe per la sfogliatura. Immaginate di dividere il vostro rettangolo in tre parti, ora sovrapponete la parte superiore verso il centro e poi la parte inferiore, avrete tre pieghe visibili di impasto in sezione. Queste sono le pieghe di rinforzo. Ora girate il pacchettino ottenuto di 90° e stendetelo di nuovo in un rettangolo e ripetete l’operazione di piegatura.Questa operazione va fatta per tre volte durante il giorno. La sera di domenica dopo cena, ho tirato l’impasto di un altezza di 4 mm circa e ho ricavato dei rettangoli di circa 7*13 cm, Da una tavoletta di cioccolato fondente da 100gr , di quelle sottili per intenderci, ho tagliato tante strisce di cioccolato suppergiù della lunghezza di 7 cm, la mia tavoletta aveva già il lato corto di 7, perciò ho usato questa misura. L’importante è che la misura della striscetta di cioccolato sia la stessa del rettangolo di sfoglia. Per ogni rettangolo abbiamo bisogno di 3 bastoncini di cioccolato( 7 cm di lunghezza, pochi millimetri di larghezza). Posizioniamo il primo bastoncino sul borbo superiore, lo avvolgiamo girando la pasta su di esso, mettiamo il secondo, altro giro di pasta e infine il terzo e altro giro di pasta finale, mettiamo a lievitare di nuovo i nostri saccottini con la chiusura rivolta in basso così che non si apra. Prima di infornare spennelliamo di uovo sbattuto e in forno. Un pò di lavoro è vero, ma sono davvero speciali e golosissimi. I miei bimbi hanno sganato gli occhi e li hanno divorati, preferendoli ai croissant …ora sarà merito della lunga lievitazione o della cioccolata?? Io penso di sapere la risposta!!!pane du

Nella foto vedete anche una girandolina! Io non amo la cioccolata quindi per coccolarmi ho pensato a creare una girandola da un quadrato di pasta. Tagliate un quadrato più possibile regolare ora tagliate partendo dagli angoli seguendo le diagonali ma senza arrivare al centro. Piegate gli angoli alternandoli verso il centro e il gioco è fatto. Ho spennellato con un pò di miele e fatto aderire qualche lamella di mandorla….deliziose!

noci/miele/alloro

Saluto il vecchio anno e dò il benvenuto al nuovo. Questa sarà l’ultima ricetta di quest’anno..un anno pieno, come tutti del resto, di cose belle e cose brutte, di fatica e di gioia, di verità da affrontare e da scoprire e confidenze da custodire. Un anno fatto anche di conquiste piccole e grandi e di gioie immense condivise e di difficoltà affrontate…insomma un anno come gli anni passati…pieno un pò di quello e un pò di questo. Mi auguro lo stesso per il prossimo…magari con qualcosa di bello in più e qualcosa di brutto in meno, ma convinta di poter affrontare tutto con i miei amori vicino.

Questo dolce lo dedico proprio ai miei bimbi e a mio marito, lo adorano, e li rappresenta: la dolcezza del miele, il croccante e saporito delle noci (sempre quelle del vecchio albero del mio papà) il profumo e la forza dell’alloro. Pochi ingredienti, ma che insieme sono irresistibili e un pò magici…e tanto festaioli. foglie

Raccogliete le foglie più belle di alloro che trovate, se siete fortunate nel vostro giardino, e lavatele accuratamente, asciugatele e disponetele su un pezzo di carta forno. Io ne ho sistemate 100 ed ho usato 500gr di miele millefiori, 100gr di zucchero semolato e circa 700/800gr di noci sgusciate.  In una padella capiente, io ne ho usata una con il rivestimento in ceramica, versate il miele e lo zucchero, fate sciogliere e portate a bollore, ora versate le noci e lasciate cuocere mescolando di continuo finchè il miele non ricomincia a bollire e fa una schiumina. Da questo momento fate cuorere continuando a girare per cinque minuti. Con molta pazienza e attenzione, ora, con l’aiuto di un cucchiaino, versate un pò di noci coperte di miele su ogni foglia di alloro.nociLasciate raffreddare per bene e gustatele! Gli olii essenziali dell’alloro con i loro profumi si sprigioneranno con il calore del miele e delle noci conferendo a questo speciale dolcino delle note molto particolari.miele                           anno

..e Halloween sia!!!!

..no quest’anno non sono in vena, ma come si fa a non farsi contagiare dalla trepidante attesa di una gnomo cinquenne che stamane alle 6:30 ti sveglia giubilando: Oggi è halloween , oggi è halloween!!! Il primo pensiero è stato: devo fare la spesa, entro le nove a casa così per quando escono da scuola ho preparato qualcosa di mostruoso! E così è stato! Questi i risultati di una mattina di dolcetti halloweenesci, un pò banali forse, ma che sicuramente saranno apprezzati dalla mia streghetta e dal mio scheletrino!!!!mummie

Mummie! Facilissime da preparare, Avvolgete strisce di pasta sfoglia ad un wurtel e infornate a 200° finchè la pasta non diventa dorata, una volta sfornati incidete con uno stecchino la faccina di wurstel che avete lasciato scoperta dalla sfoglia, e inseriteci due semini di papavero o due semini di sesamo!

teschi

Teschi di frolla salata! 300gr di farina- 150gr di olio evo-2 uova-sale e pepe q.b. Impastate tutti gli ingredienti e una volta stesa la pasta ricavatene dei cerchi con un coppa pasta o un bicchiere. Stringete nella parte superiore il cerchio, traticate due segni per le orbite degli occhi e per il naso e aggiungete pinoli per creare i denti! 180° fino a doratura!

dita

Dita di strega! Pasta frolla dolce: 200gr di farina 00-100gr di farina di mandorle-2 uova-100gr di zucchero-100gr di burro. Impastare e lasciar riposare in frigo una mezz’oretta! Trascorso il tempo del riposo formiamo dei salsicciotti che ricordino delle dita. Sporchiamo un estremità con un pò di miele e attacchiamoci, spingendo un pò, una mandorla a voi la scelta se con o senza buccietta! 180° per circa 20 min.

ragni

Ragni! 300gr di biscotti secchi-150gr di zucchero-100gr di burro-2 uova-una tazzina di caffè-50gr di cacao amaro. Sbiciolate con il mixer i biscotti, poi sempre nel mixer aggiungete il burro molto morbido ma non sciolto,  gli altri ingredienti e frullate. Si formerà un composto che bagnondovi le mani riuscirete a modellare a forma di pallina. Passate tutte le palline nella codetta di cioccolato e poi aiutandovi con uno stuzzicadenti praticate dei fori sui lati e infilate le zampine, cioè pezzettini di liquirizia. Aggiungete degli zuccherini colorati come occhi e lasciate in frigo a indurirsi prima di srvire!

zuccazuccanotte

BUON HALLOWEEN!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

 

Biscotti zenzero e mandorle

Quando tuo marito rientra dalla spesa con una radice di zenzero gigante un motivo c’è! E allora subito all’opera con i miei due piccoli folletti aiutanti per sperimentare un nuovo biscottino che anticipa un pò le atmosfere natalizie, quelle che evocano caminetti accesi e luci di candele! A zonzo nel tempo tra una festività e l’altra, prima dei dolcetti di halloween, un’anteprima un pò natalizia che non vi farà pentire di precorrere i tempi!!! DSCN4491

Per completare l’opera li ho accompagnati con un infuso fatto con del succo di mela, portato a leggero bollore per qualche minuto e poi fatto raffreddare, con zenzero a fette, scorza di arancia, stecca di cannella e un paio di chiodi di garofano! Vi ho un pò invogliati? Ecco gli ingredienti per i biscottini:

  • 160gr di farina 00
  • 110gr di burro morbido
  • 60gr di zucchero di canna
  • 60gr di miele millefiori
  • 1 uovo
  • 100gr di mandorle
  • 2 cucchiaini di zenzero fresco grattugiato
  • 2 cucchiaini di cannella in polvere
  • buccia grattugiata di un arancia
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • gocce di cioccolato a gusto

Tostate le mandorle in un padellino facendo attenzione a non bruciarle, poi frullatele ma non riducendole in farina. Impastate tutti gli ingredienti come per fare una frolla o se usate un robot da cucina come me, tutto dentro per qualche secondo fino a che non fa la palla di impasto. La quantità di farina può un pò variare a seconda della grandezza dell’uovo, quindi tenetene un pò da parte da aggiungere in caso quando lavorerete l’impasto a mano. La consistenza finale è quello di una frolla. Dopo la mezz’ora consueta di riposo in frigo avvolta nella pellicola, ora potete stendere l’impasto e ricavare con dei taglia biscotti tutte le forme che volete. Si possono tagliare anche a coltello o formare con le mani delle palline che poi appiattiremo, insomma libera iniziativa! Placca da forno foderata di cartaforno e via in cottura! Forno caldo 180° fino a che non assumono un leggero colore dorato! Fateli raffreddare prima di gustarli così che tutti gli aromi si possano spigionare ad ogni boccone!…….Gustateveli!!!!

pan cakes

Buongiorno!!!! Oggi è Venerdì!!!! Perchè non preparare per la colazione domenicale dei profumati, caldi e golosi pancakes?? Vi dò la mia ricetta, da preparare con calma il sabato sera e da cuocere la mattina dopo con calma!

  • 160gr di Farina
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • un pizzico di sale
  • due cucchiaini di lievito vanigliato per dolci
  • 1 uovo
  • 40gr di burro fuso
  • 180ml di latte

Dopo aver impastato tutti gli ingredienti lasciate il composto in frigo la notte coperto da una pellicola e la mattina dopo rimescolate con un cucchiaio e cuocete in un padellino ( un pò per volta come se dovesse fare delle crepes spesse) con un velo di burro. Impilate su un piatto e irrorate con una cascata di sciroppo d’acero! In mancanza di quest’ultimo sono ottimi con del buon miele ( italiano mi raccomando!),  crema gianduia o marmellata! pancake